Donne…tu…tu…tu… – Infibulazione

RIPORTO QUANTO SEGNALATO NEL SITO INDICATO ALLA FINE DEL POST.

C’E’ POCO O NULLA DA AGGIUNGERE

infibulazione.jpg

palermoedintorni.splinder.com

Infibulazione:

sottoculture in Italia.

Alle donne sono riservati ancora oggi rituali che prevedono vere e proprie mutilazioni genitali che sono conosciute con il termine

“infibulazione”.

art_45.jpg

portale.fnomceo.it

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità)

ha distinto le mutilazioni in 4 tipi differenti a seconda della gravità per il soggetto:

  1. Circoncisione o infibulazione as sunnah

si limita alla scrittura della punta del clitoride con fuoriuscita di sette gocce di sangue simboliche e non comporta quasi nessuna conseguenza (diffusa soprattutto in Ghana)

2. Escissione al uasat

asportazione del clitoride e taglio totale o parziale delle piccole labbra.

  1. Infibulazione o circoncisione faraonica o sudanese
  2. asportazione del clitoride, delle piccole labbra, di parte delle grandi labbra con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro per permettere la fuoriuscita dell’urina e del sangue mestruale (molto diffusa in Egitto – 96% delle donne ha subito l’infibulazione-). La pratica dell’infibulazione faraonica ha lo scopo di conservare e di indicare la verginità al futuro sposo e di rendere la donna una specie di oggetto sessuale incapace di provare piacere nel sesso con il coniuge.
  1. Il quarto tipo comprende una serie di interventi di varia natura sui genitali femminili.

INFIBULAZIONE161.jpg

www.controcampus.it

Questa pratica in Italia è fortunatamente vietata, infatti,

la legge 9 gennaio 2006, n. 7

tutela la donna dalle pratiche di mutilazione genitale femminile, in attuazione degli articoli 2, 3 e 32 della Costituzione e di quanto sancito dalla Dichiarazione e dal Programma di azione adottati a Pechino il 15 settembre 1995 nella quarta Conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulle donne.

Al codice penale è stato aggiunto l’articolo 583 bis che punisce con la reclusione da quattro a dodici anni chi, senza esigenze terapeutiche, cagiona una mutilazione degli organi genitali femminili.

Le disposizioni di questo articolo si applicano altresì quando il fatto è commesso all’estero da cittadino italiano o da straniero residente in Italia, ovvero in danno di cittadino italiano o di straniero residente in Italia.

hirsiali15dn.jpg

mayraglouis.wordpress.com

L’infibulazione invece è praticata in 28 Paesi dell’Africa sub-sahariana, per motivi non terapeutici,che ledono fortemente la salute psichica e fisica delle bambine e donne che ne sono sottoposte

(130 milioni di donne in tutto il mondo e ogni anno due milioni di donne

subiscono questa pratica).

Queste pratiche sono eseguite in età differenti a seconda della tradizione:

per esempio nel sud della Nigeria si praticano sulle neonate,

in Uganda sulle adolescenti, in Somalia sulle bambine.

dum_int_ivoriane.jpg

www.ecologiasociale.org

Pur non essendo menzionata nel Corano l’infibulazione e l’escissione del clitoride alcuni religiosi islamici sostengono che sia prescritta in alcuni hadith ("detti") del profeta Maometto e pertanto ne sostengono la pratica.

Ma cosa comporta l’infibulazione?

Non si possono avere rapporti sessuali fino alla defibulazione

(cioè alla scucitura della vulva), che in queste culture, viene effettuata direttamente dallo sposo o dalle parenti femminili dello sposo prima della consumazione del matrimonio.

C_3_africaNews_1350_foto.jpg

www.apcom.net

L’allargamento fatto per la consumazione del matrimonio non è sufficiente per permettere il parto.

Perciò, in quel momento, l’infibulazione deve essere ancora allargata.

Dopo ogni parto viene effettuata una nuova infibulazione per ripristinare la situazione prematrimoniale.

Le conseguenze per la donna sono tragiche.

9289.JPG

www.bimbi.it

L’Italia è purtroppo il primo paese in Europa per il numero di donne infibulate (circa 40 mila donne immigrate hanno subito una mutilazione genitale).

Evidentemente la sola legge non è sufficiente ad eliminare le infibulazioni clandestine che sono effettuate in condizioni di assoluta mancanza di igiene.

1494_img1.jpg

www.rivistaonline.com

E’ necessaria una campagna culturale che consenta ai cittadini extracomunitari di acquisire la consapevolezza dei danni che queste pratiche comportano a livello fisico e psicologico.

http://www.cosechenonvanno.com/salute/circoncisione-e-infibulazione-sottoculture-in-italia

Per saperne di più: www.stopfgmc.org

8594-400x500.jpg

www.pazlab.net

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Donne…tu…tu…tu… – Infibulazione

  1. Cinzia ha detto:

    Sin che l\’uomo riuscirà a fare del male anche a degli animali indifesi… sarà capace di atroci barbarie.L\’iomo ha sempre temuto il desiderio della donna, la sua libertà… chi meglio degli dei fideistici poteva rendere schiavo il femmineo in senso lato? Coloro che per religione devono sottostare al maschio anche con terribili tecniche… è l\’intera società (anche occidentale) che deve riscoprire la sacralità del corpo umano, in particolare quello femmineo… perchè la barbaria del botulino… è una barbaria.

  2. Fausta ha detto:

    Se penso al dolore, alla sofferenza fisica e morale di donne e bambine mi si stringe il cuore.Che sentimenti potranno provare nei confronti degli uomini..ma anche delle donne, perchè sono loro ad esercitare materialmente questa barbarie…..Siamo noi – popoli cosiddetti civili – che dovremmo proteggerle, aiutarle ad uscire da questa dipendenza… invece non siamo capaci neppure di difendere le nostre ragazze dagli stupratori!Il mondo sta precipitando in un abisso profondo e nero…… credo che solo dandoci la mano potremo venirne fuori..

  3. Giusy ha detto:

    Sembra che l\’umanità non riesca ad andare avanti, senza tornare alla barbarie originaria…senza fare violenza ai propri simili…E\’ drammatico, ma è così…Il problema è: per quanto tempo ancora siamo disposti a sopportarlo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...