La scuola: non sempre è un posto sicuro…Un pensiero per Vito

Sabato, 22 novembre…
Un pensiero per un ragazzo che, come tutti i giorni, si era alzato presto, per recarsi in un posto sicuro:
la sua scuola.
Il soffitto gli si è schiantato addosso, mentre faceva ricreazione…
 
Non parliamo più di grembiulini, per favore…
Pensiamo a rendere sicuri i luoghi in cui i nostri figli sono obbligati a stare per un consistente numero di ore e di anni…
 
Poteva capitare a uno dei nostri…
 
Ciao, Vito!
 
A Rivoli, nel Torinese.
L’ipotesi e’ quella di un "cedimento strutturale".
Vito, la vittima
La vittima e’ uno studente di 18 anni, Vito Scafidi.
Una ventina i feriti.
L’incidente è accaduto durante l’intervallo.
La zia della vittima:  "Fotografate cosa è successo, fate vedere che le scuole italiane fanno schifo anche al Nord. E che si può morire a 18 anni, andando a lezione a scuola".
In tutto i feriti sono una ventina.
Giunta sul posto il ministro Gelmini: "Tragedia incomprensibile. Non è possibile che un ragazzo perda la vita a scuola"
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La scuola: non sempre è un posto sicuro…Un pensiero per Vito

  1. patrizia ha detto:

    non ci sono parole e poi si scervellano sulle str…… come i grembiuli o sciocchezze del genere! una volta si pensava che i nostri ragazzi fossero al sicuro almeno a scuola. ciao buona domenica

  2. Cinzia ha detto:

    La Gelmini dovrebbe appena chiudere la fogna. Le sue sono parole di circostanza, perchè togliendo i fondi queste tragedie aumenteranno e i numeri delle vittime con loro.
    La vergogna di un paese in cui si muore di lavore e di scuola.
    Grazie all\’oligarchia che da anni pascola nel nostro paese, solo per arricchirsi. Che amaro…

  3. Fausta ha detto:

    La Gelmini ha perso un\’ottima occasione per stare zitta. Avrebbe fatto una figura meno meschina.
    Cominciamo a ristrutturare la scuola dalle mura!

  4. Harielle ha detto:

    Il buon senso e il lavoro degli insegnanti sottolineava da tempo che le priorità della scuola pubblica fossero ben altre che le operazioni di facciata. si può perdere la vita, mentre septtava alla Provincia provvedere alla sicurezza delle strutture. Ma se si riducono i fondi agli enti locali, può accadere ancora, può accadere sempre.
    Ti mando il mio saluto, a  presto, cara Giusy
     

  5. patty ha detto:

    una preghiera anche per lui…..

  6. francesca ha detto:

    ..alla fine quello che ne ha pagato le conseguenze è stato Vito….Non è giusto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...